Come mai la gran parte della gente sopravvive e non vive? Perché ci accontentiamo della mediocrità? perché lasciamo che la vita ci passi davanti senza fare niente per realizzarla?

Questo è un problema ben diffuso. Se chiacchieri con la gente, ti renderai subito conto che tutti vogliono vivere una vita piena e appagante, tutti vogliono essere più felici, sicuri e pronti. Ma sai qual è la verità? La verità è che di questi tutti, quasi nessuno è disposto a fare ciò che va fatto. Nessuno, o quasi nessuno è disposto a mettersi in gioco per vivere la vita che merita e che sogna.

Ma perché? Perché abbiamo rinunciato alla mostra vera natura? Da bambini avevamo dei sogni ed eravamo convinti di realizzarli. Cos’è andato storto? Perché ci giriamo dall’altra parte e non utilizziamo più le nostre capacità? La capacità di sognare, la capacità di sorridere e di lasciare andare ciò che non ci serve più. Non seguiamo più i nostri sogni e rimaniamo fermi e bloccati aspettando che qualcosa accada.

Molti credono che le condizioni in cui siamo, cioè la società, la crisi, la povertà siano la causa. Ma io dico e credo, che non sono le condizioni a determinare ciò che noi siamo, ma bensì sono le convinzioni che abbiamo su di noi a determinare ciò che noi siamo.

Inizia a cambiare ciò che credi e vedrai che la tua vita cambierà. Non ti accontentare solo perché credi che sia difficile. Riprendi in mano la tua vita. Non lasciare mai che nessuno intacchi il tuo potere personale. Ricorda anche che quel qualcuno potresti essere tu.